martedì 21 ottobre 2008

Villapiana. Il Lido attende l’apertura della nuova Delegazione Comunale

Quando verranno aperti al pubblico i nuovi uffici della Delegazione municipale di Villapiana? A chiederselo sono i cittadini residenti nella frazione Lido, dopo aver visto ultimata la costruzione adibita ad ufficio comunale oltre che ad ospitare le attrezzature per il Bancomat. Inaugurata nei primi giorni dell’agosto scorso e realizzata in tempi da record, la struttura situata nel centralissimo nucleo costiero ancora non attiva il servizio di sportello comunale. “Stiamo in attesa che la Telecom ci allacci la rete telefonica – ci informa Eduardo Lo Giudice, assessore del Comune di Villapiana – e crediamo che il trasferimento degli uffici dalla vecchia sede, posta a valle della ferrovia, possa avvenire già dai prossimi giorni”. Uno dei motivi che avevano spinto l’attuale Giunta a disporre della costruzione dell’edificio, realizzazione che ha incontrato non poche insoddisfazioni circa il luogo dove questo andava ubicato, era proprio il sito disagiato, appartato, e quindi soggetto a possibili azioni vandaliche dove era posta la precedente sede distaccata del municipio. Attualmente la nuova delegazione, che si presenta con un design sobrio e dai colori esuberanti, non appena verrà attrezzata della rete telefonica, risulterà quindi essere davvero uno sportello funzionale e soprattutto accessibile a tutti.

Paride De Paola

sabato 18 ottobre 2008

Villapiana. Biovix. Per i 21 dipendenti si profila la Cassa Integrazione

L’azienda, finanziata dalla legge 488, non ha mai lavorato
Buone nuove dal versante Biovix. I dipendenti dell’azienda bresciana, venuta ad investire in Calabria nella produzione di pannelli fotovoltaici, dopo ben 16 mesi di mancate mensilità, sarebbero stati collocati in cassa integrazione. La notizia, diffusa rapidamente in città, è scaturita a seguito della sigla del decreto ministeriale che vede concretizzarsi la Cassa Integrazione per i 21 dipendenti Biovix almeno sino al 31 dicembre prossimo. Travagliata è la storia aziendale della Biovix srl, impiantatasi a Villapiana grazie a finanziamenti ottenuti attraverso la legge 488 del ‘92, l’ex intervento straordinario per il mezzogiorno. La fabbrica, che in un primo momento si pensava dovesse produrre sostanze chimiche organiche per l’agricoltura, e successivamente riconvertita ad industria per la realizzazione e vendita di pannelli solari (partendo dalla materia prima, il silicio), in realtà non è mai entrata in funzione. Per gli allora 33 dipendenti – ne sarebbero stati oltre 100 tra tecnici e maestranze nel momento in cui la fabbrica fosse entrata in pieno regime – le speranze di un futuro in Biovix si spensero con l’ultimo stipendio percepito; luglio 2007. Le cose precipitarono con il ritorno a Brescia di Ezio Galbiati, titolare dell’azienda, e contestualmente con il sopraggiungere delle verifiche in loco ad opera degli ispettori della Fiamme gialle. Nel febbraio scorso la prima vertenza: i dipendenti invitavano gli organi di stampa davanti ai cancelli dell’azienda - “Ma che fine hanno fatto i responsabili della Biovix? Quando ci verranno rimunerati gli 8 stipendi arretrati non pagati e, quale sarà la sorte della nostra azienda?” - queste le loro richieste di spiegazione. Inseguendo voci che vedevano l’imminente ritorno di Galbiati, e con quest’ultimo l’avvio definitivo della produzione, nel luglio scorso i dipendenti s’imbattono invece nei sigilli che, dietro disposizione della Magistratura, le Fiamme gialle ponevano ai cancelli; si contestano brogli finanziari ai danni della legge 488, un giro di affari in fatture false per quasi 11 milioni di euro. Nello stesso mese entra in scena la Esco Italia S.p.A. (Energy Service Company – Società di servizi energetici) che si propone di acquisire e rilanciare la Biovix nel momento in cui il Galbiati ritiri l’istanza di fallimento precedentemente presentata. Ma il Tribunale del Riesame di Cosenza riconferma i sigilli apposti dalla guardia di finanza della Compagnia di Castrovillari ai cancelli e ai portoni d’ingresso dell’azienda; le operazioni finanziarie vengono rinviate. Oggi si apprende dell’attuazione della Cassa Integrazione per quei 21 dipendenti rimasti in forze ed assorbiti nella Esco Italia; una boccata di ossigeno ed un passo speranzoso, il loro, verso il dissequestro dell’azienda in primis, quindi il successivo completamento ed avvio della linea di produzione per i fotovoltaici. Una sfida per cui l’intera comunità villapianese non ha mai smesso di lottare.
Paride De Paola

venerdì 17 ottobre 2008

Spezzano Albanese. Presentazione della mostra fotografica

"Spixana si ish një herë" (Spezzano com'era una volta)
"Spixana si ish një herë" . Questo il titolo scelto per la mostra fotografica sui mestieri e le tradizioni locali legate alla comunità di Spezzano Albanese che sarà inaugurata sabato prossimo 18 ottobre presso la sala Consiliare del Comune arbëresh. L'esposizione, aperta al pubblico dalle ore 19, mira al recupero delle tradizioni popolari arbëreshe ed è stata curata e proposta dall'Associazione culturale MeEduSA di Spezzano. In tutto, saranno presentati al pubblico 21 scatti a tema: catturati dall'obiettivo del fotografo particolari sui costumi, gli usi, i mestieri, i prodotti tipici, gli scorci di paesaggio e, in sintesi, sulla vita di tutti i giorni che ancora tramanda qualcosa dai tempi antichi. La mostra, tutta curata dal maestro di fotografia spezzanese Antonio Arcuri, resterà a disposizione dei visitatori sino al 26 ottobre; in occasione dell'apertura al pubblico, ci sarà anche un momento di presentazione dei lavori cui prenderanno parte, oltre ai membri dell'associazione promotrice, lo stesso Arcuri, il sindaco di Spezzano Ferdinando Nociti, gli assessori Donatella Laudadio (Minoranze Etniche, Provincia di Cosenza) e Damiano Guagliardi (Turismo e Minoranze, Regione Calabria) ed altri esperti di arte e cultura arbëreshe. «La mostra del Maestro Arcuri rappresenta un viaggio a ritroso nel tempo delle tradizioni e della cultura popolare di Spezzano Albanese –ha affermato il presidente dell'Associazione MeEduSA Emanuele Armentano-. Ventuno scatti altamente professionali e ben studiati raccontano la storia di questo antico borgo che, da cinquecento anni, porta avanti la sua quotidianità attraverso usi e costumi tipici della cultura arbëreshe. Attraverso queste opere abbiamo voluto "congelare" alcuni momenti significativi della vita locale, principalmente caratterizzata da attitudini agresti, come l'aratura dei campi con gli asini e l'aratro in legno, l'impagliatura dei cesti, la preparazione dei pacchetti di camomilla, ecc., e da forti partecipazioni religiose e popolari, come la processione del Venerdì Santo (l'evento di culto più partecipato nella cittadina), i falò di San Giuseppe e la tipica cavalleria detta "Shtjerri". Non mancano gli antichi mestieri come quello del fabbro artista, dei lavori culinari fatti in casa, ecc. Una mostra, dunque, interessante anche dal punto di vista didattico, che le nuove generazioni dovrebbero assolutamente visitare soprattutto perché, probabilmente, non avranno mai più la possibilità di vedere come il nostro popolo si è evoluto». Nella stessa occasione, tra l'altro, sarà anche presentato il Cd audio dal titolo "Kështu Këndonjën Spixanë" (Così cantano a Spezzano), una raccolta di canti popolari -tra sacro e profano- volta alla salvaguardia della cultura musicale arbëreshe di Spezzano Albanese. Anche quest'opera è stata curata dall'Associazione culturale MeEduSA.
Ufficio Stampa Ass. Culturale MeEduSA

lunedì 13 ottobre 2008

Amendolara. Un successo per il motoraduno de I Lupi di Straface

Si è svolto, domenica scorsa sul lungomare cittadino, il secondo Motoraduno “Città di Amendolara”, manifestazione fieristica voluta ed organizzata dal locale motorclub I Lupi di Straface; un memorial a Mario De Luca. Massiccia la partecipazione, maggiore anche delle più rosee previsioni, come gli stessi organizzatori hanno più volte sottolineato. Le oltre 300 moto accorse all’appuntamento motoristico da tutte le Regioni del sud Italia, hanno coreografato il momento di aggregazione per gli appassionati della motocicletta, con le loro stravaganze ed originalità nelle personalizzazioni dei potenti mezzi. Vigorosi rombi si levavano in cielo mentre nel prato adiacente, precedentemente attrezzato in un circuito cross, i quad (le moto sulle 4 ruote) si cimentavano con spettacolari manovre. Per definizione, un motoraduno è l'incontro di più appassionati del mototurismo, ed in questo, l’appuntamento amendolarese ha centrato in pieno il bersaglio, accogliendo per l’appuntamento quasi un migliaio di innamorati e curiosi delle dueruote. Tra questi il sindaco di Amendolara, Mario Melfi, che prendendo posto su di un storico sidecar targato moto Guzzi del ’48, ha fatto padrone di casa e apripista al lungo serpentone rombante durante il giro turistico nella propria cittadina. Con le premiazioni, i ringraziamenti ed i saluti di rito, i centauri si son dati appuntamenti il 25 e 26 ottobre prossimo, nel TerreMoto DiVino di Torre Melissa.
Paride De Paola

venerdì 10 ottobre 2008

Emergenza rifiuti: si organizza la mobilitazione

Emergenza rifiuti: si organizza la mobilitazione

Spezzano Albanese fulcro di incontro del Coordinamento Provinciale

SPEZZANO ALBANESE - La Calabria che lotta per un “ambiente pulito e sano” si organizza e prende sempre più forme consistenti. Lo dimostra l'incontro di martedì sera a Spezzano Albanese dove, in occasione del filone di appuntamenti atti a discutere il critico problema dei rifiuti nella regione, si è incontrato il Coordinamento Provinciale di Associazioni Ambientaliste, Civiche, Comitati e Movimenti. Un nutrito gruppo di esponenti arrivati da ogni angolo della provincia per mettere in atto un vero e proprio summit programmatico che, a partire dal prossimo 11 ottobre (con l'assemblea nazionale di Rifiuti Zero a Bologna), vedrà un ricco calendario di incontri volti a sensibilizzare le coscienze dei cittadini e ad informarli dei rischi che si corrono facendo “scelte sbagliate” come quelle degli inceneritori. Non basta. Anche le proteste serie e motivate faranno capolino nei punti nevralgici di incontro del “potere decisionale”, e la serietà della cosa lo dimostra il fatto che a dirlo sono stati esponenti di importanti associazioni e movimenti quali il “Riccio” di Castrovillari, con l'attivissimo rappresentante Ferdinando Laghi, il Forum Ambientalista Calabria, il “Romore” di Rende, il Comitato contro le discariche nei centri urbani, la Federazione Municipale di Base di Spezzano, Cib Unicobas Cosenza, Movimento Ambientalista Tirreno, Sinistra Critica, Rischio Zero, Pensieri Liberi Pollino, Csa di Cosenza, Forum Ambientalista Crati e Beni Comuni di Cosenza. Questi sono solo alcuni degli aderenti al Coordinamento che, da quanto si apprende, continua a raccogliere consensi ovunque. Per quanto concerne la serata, Francesco Saccomanno ha ricordato il recente incontro con Alex Zanotelli a Cosenza, ribadendo la necessità di raccogliere le firme per dire “no all'inceneritore”. Il dibattito si è poi allargato ai vari contributi da parte dei tanti presenti. Concetti importanti emersi sono quelli inerenti i danni che le “sbagliate scelte politiche ambientali” hanno già prodotto e, nonostante le sentenze di condanna, “ancora nessuno è andato in galera”. Il “no” agli inceneritori in Calabria si è levato all'unisono, ma la raccolta differenziata “deve farsi in maniera più cosciente”. «Non serve a nulla differenziare -è stato detto- se poi si porta il materiale nelle discariche e si rimescola tutto. C'è bisogno di fare una inchiesta seria sulla differenziata». Una coscienza piena, dunque, del problema rifiuti, che in questo caso ha visto protagonista lo stesso sindaco di Acquaformosa, Giovanni Manoccio. Quest'ultimo ha annunciato la fine dei finanziamenti (entro l'anno) dei contributi regionali per la differenziata e lamentato la necessità di cessare il commissariamento dei rifiuti e passare “alla gestione politica”. E se per tanti l'inceneritore nella provincia di Cosenza si “farà a Rende per questioni strategiche”, per Laghi c'è bisogno di fare più informazione e di maggiore collaborazione delle istituzioni. E mentre ci si organizza per ritornare nelle case dei cittadini della frazione Fedula del comune di San Lorenzo del Vallo, maggiori info su www.difendiamolacalabria.org.

Emanuele Armentano

giovedì 2 ottobre 2008

SibariOnLine.it per far conoscere le ricchezza turistiche della sibaritide

Nasce SibariOnLine.it, un dinamico sito web che punta a promuovere le attività turistiche della Sibaritide. Il progetto, edito dall’Associazione Culturale Altojonio.net di Villapiana lido, scaturisce all’indomani della chiusura stagionale turistica 2008, a tergo di un’attenta analisi svolta sul comprensorio Sibarita sul calo delle presenze registrate nelle località balneari e soprattutto sulle qualità e tipologie delle strutture ricettive / ristorative del nostro territorio. SibariOnLine, come evidenzia la Direzione dell’associazione Altojonio.net, nasce così per caso, un’esigenza pressoché fisiologica ed una via di fuga verso quello che sembra essere la condizione ‘apparentemente’ stagnante delle offerte e servizi turistici dell’area nord orientale della provincia di Cosenza. “Si dà per scontato - dice Paride De Paola, presidente del sodalizio - che i turisti giunti sulle nostre coste sappiano già dei nostri alberghi, dei ristoranti e delle nostre botteghe, delle sagre, festività e concerti musicali, od ancora della stupenda e variegata tipologia di spiaggia ed ambiente naturale del nostro entroterra; delle bellezze dei nostri paesi montani. In realtà ben poco sanno di tutto questo, ed il villeggiante molto spesso, ritornando nelle proprie realtà cittadine, raccontano di vacanze rilassanti si, ma segnate da una perdurante situazione di monotonia”. Ecco quindi SibariOnLine, una guida, seppur virtuale, che conduce nelle realtà turistica della Sibaritide e dell’immediatezze dell’entroterra. Una guida che intende divenire sin dalla prossima stagione estiva un vero e proprio manuale, chiaro e completo, di tutte gli avvenimenti e le offerte presenti sul territorio; dove alloggiare, mangiare, fare shopping, divertirsi. Attualmente il sito web è ancora in fase realizzazione ma già conta oltre 200 visitatori (del resto, ‘Sibari’, assieme a Tropea e Scilla, è uno dei termini più digitati sui motori di ricerca quando si intende raggiungere turisticamente la nostra Regione). A breve il censimento delle imprese turistiche, quindi gli aggiornamenti relativi agli appuntamenti, così che, entro la primavera prossima, si otterrà un ricco contenitore di dati e notizie.
da Macondo, CalabriaOra

CASTROVILLARI: INCIDENTE AD UN PULMINO COMUNALE

Fortunatamente solo tanta, tanta paura per i piccoli passeggeri e qualche ammaccatura allo scuolabus del Comune. Il fondo stradale reso sdrucciolevole dalla pioggia caduta nella mattinata e il passaggio stretto di un’arteria di contrada Schiavello potrebbero essere le concause, ancora in corso di accertamento da parte dei Carabinieri, che hanno determinato un incidente stradale proprio in Via Schiavello, all'altezza del palazzo della sede del Giudice di Pace e dell'Ufficio Circoscrizionale per l'Impiego, senza creare particolari danni alle persone. Solo ad una bambina sono stati prescritti, per precauzione, sette giorni di riposo da parte del Pronto Soccorso di Castrovillari, mentre l’autista del pulmino se l’è cavata con qualche escoriazione e alcuni giorni di convalescenza. Il sinistro ha coinvolto un pulmino di proprietà dell’Ente, il quale stava trasportando a scuola i bambini delle elementari quando si è imbattuto in un'auto privata di media cilindrata. Il pulmino, così, ha urtato, con la parte anteriore destra, il muro che costeggia la stradina. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri per i rilievi e gli uomini della Polizia municipale, guidati dal coordinatore del Corpo, Dario Giannicola, si sono assicurati, con l’autista del pulmino delle condizioni dei ragazzi, e di rendere subito fruibile la sede stradale. Una pattuglia di Vigili è stata anche inviata in ospedale per stare vicino ai genitori della piccola, giustamente preoccupati e spaventati. Sul posto sono immediatamente arrivati il sindaco, Franco Blaiotta, e gli assessori, Anna De Gaio e Giuseppe Abbenante, che hanno chiesto notizie, come era avvenuto, accertandosi ed assicurandosi delle condizioni dei bimbi e del conducente, esprimendo la propria vicinanza ai genitori accorsi e rammaricandosi con loro per l’accaduto.
L’ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

martedì 16 settembre 2008

Villapiana. Inaugurato il nuovo anno scolastico 2008/09

Si è inaugurato ieri, presso i tre plessi scolastici di Villapiana Centro, Lido e Scalo, il nuovo anno scolastico 2008/09. Al fianco del Dirigente Scolastico, la dr.ssa Elisabetta Cataldi, nel duplice ruolo di titolare dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” e coordinatrice della Giornata, erano ospiti il vicepresidente della Provincia di Cosenza, Domenico Bevacqua, il vicesindaco di Villapiana, Roberto Rizzuto, i parroci don Franco Brunetti e don Romano. “Ci troviamo oggi qui – ha aperto i lavori la dirigente Cataldi – perché crediamo nel valore estremamente prezioso che ha la formazione, ed abbiamo scelto questo giorno, che segna l’apertura del nuovo anno scolastico 2008/09, proprio per il forte valore simbolico che ha l’inizio di un nuovo corso formativo. Noi come scuola ricopriamo una grande responsabilità, che sta nel lavorare, sempre al massimo delle nostre capacità ed utilizzando al meglio le risorse che ci vengono messe a disposizione, per cercare di incidere nel modo migliore possibile sulla formazione dei nostri studenti. Essendo Villapiana un Istituto Comprensivo – continua la Cataldi – questo offre la grande possibilità di seguire i nostri ragazzi fin da piccoli, fin dalla scuola dell’infanzia”. “La scuola da sola non può segnare profondamente su una completa formazione - ha sottolineato il vicepresidente Bevacqua confermando quando espresso dalla dr.ssa Cataldi - così come non possono farlo, se presi singolarmente, la famiglia, l’Amministrazione comunale o provinciale, la Chiesa. Quindi la necessità di un’intesa, un’alleanza tra tutte le istituzioni presenti nel territorio, una coalizione compatta capace di fronteggiare la sfida dell’‘emergenza educativa’, ormai presente, anche se in tono minore, pure nelle piccole cittadine di periferie”. A seguire il breve l’intervento del vicesindaco Rizzuto che salutava, a nome anche del sindaco Luigi Bria ieri assente, gli alunni, i genitori, il corpo docente e la stessa Dirigente Scolastica augurando a tutti l’in bocca al lupo per il nuovo corso scolastico che si andava ad iniziare. Rivolgendosi poi al vicepresidente Bevacqua, e ringraziandolo per l’impegno finora profuso verso la comunità villapianese, Rizzuto lo invitava ad un interesse particolare affinché si arrivi a dotare le scuole della città ionica di quegli arredi ed attrezzature necessarie per meglio svolgere il compito educativo. Concludono gli interventi don Franco Brunetti, testimoniando la totale partecipazione della Chiesa nel mondo scolastico di Villapiana, e don Romano, benedicendo l’inizio dell’anno scolastico 2008/09. La comunità ionica ospita circa 500 alunni, tra scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, distribuiti su tre centri urbani; di questi ragazzi, quasi il 16% sono di origini straniere, perfettamente integrati nel tessuto scolastico locale. Gli stessi hanno contribuito, in quest’ultimo anno, ad un incremento degli iscritti di 15 unità rispetto il 2007/08. Il corpo docente è composto invece da una sessantina di insegnanti.

Paride De Paola

lunedì 15 settembre 2008

ARCHIVIATO CON SUCCESSO IL PEPERONCINO JAZZ FESTIVAL 2008

LA RASSEGNA SI E' CONFERMATA ANCHE QUEST'ANNO UNO DEI PIU’ IMPORTANTI EVENTI CALABRESI

11 sono stati i paesi del cosentino coinvolti nella 7° edizione

L’estate 2008 si avvia verso la conclusione e, come in ogni altra zona geografica a vocazione turistica, anche in Calabria è tempo di bilanci per la stagione appena trascorsa. Tra gli appuntamenti culturali e turistici più importanti e di maggior successo organizzati nel periodo estivo nella nostra bella regione, anche quest’anno figura il Peperoncino Jazz Festival, evento organizzato dall’Associazione culturale Pìcanto con il contributo dell’Assessorato al Turismo e Spettacolo della Provincia di Cosenza, dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, di varie amministrazioni comunali, di C.C.I.A.A. e Confindustria di Cosenza, AGIS e ANEC Calabria e di numerosi Sponsor privati, primi fra tutti il Consorzio del Cedro di Calabria, La Pietra Srl e UBI Banca Carime. Svoltosi nei mesi di luglio e agosto nelle più belle località della provincia di Cosenza, il festival diretto dal vulcanico Sergio Gimigliano, giunto alla sua 7° edizione, ha tracciato un itinerario musicale/culturale senza precedenti, presentando un cartellone artistico di altissima qualità, ricco di anteprime, esclusive nazionali e di produzioni originali. Dopo il grande successo dell’edizione 2007, il festival, che coniuga grande musica, enogastronomia e cultura sotto il segno di uno dei simboli della regione (il peperoncino!), è stato riproposto nella formula della rassegna itinerante ed ha coinvolto ben 11 comuni, facendo tappa in rinomate località turistiche del Cosentino (Montegiordano, Villapiana e Sibari sullo Ionio e San Nicola Arcella e Diamante sul Tirreno), in importanti centri del Parco Nazionale del Pollino (Buonvicino e Castrovillari) e, varcando per la prima volta i confini regionali, nella lucana Maratea (che ha ospitato una “tre giorni” dedicata ad Umberto Napolitano, unanimemente considerato il miglior pianista jazz della Calabria).

Anche quest’anno, inoltre, l’evento musicale più piccante d’Italia è stato in realtà una sorta di prestigioso contenitore culturale che ha riunito sotto lo stesso marchio importanti eventi, inglobando nel suo cartellone artistico il “Magna Graecia Jazz Fest” di Rossano e il “Laos Jazz Festival” di Scalea, entrambi alla seconda edizione, e la nuova rassegna “Storytellers & Jazz”, ospitata nello splendido scenario del Carcere dell’Impresa a Santa Maria del Cedro. Oltre alla fantastica esibizione di Nicky Nicolai e del quartetto di Stefano Di Battista su quello che è il palco storico dell’evento (Teatro dei Ruderi di Cirella), in due mesi di programmazione sono saliti sugli altri palchi del festival importanti ospiti internazionali (dalla storica band degli Yellowjackets, protagonista insieme al chitarrista Mike Stern di una indimenticabile serata nel Parco di Palazzo Principe Lanza a San Nicola Arcella all’organ trio di uno dei migliori sassofonisti della scena contemporanea, Joshua Redman, e al quartetto di Joey Calderazzo e Jerry Bergonzi, entrambi di scena nel Chiostro di Palazzo San Bernardino a Rossano); vere e proprie stelle del jazz italiano (come Danilo Rea - che si è esibito nel suggestivo scenario del Parco Archeologico di Sibari - Giovanni Amato, Luca Mannutza, Luigi Negroni e il trio Ionata/Deidda/Tucci (foto in alto a sinistra), protagonista, come il BOS 4tet di Bruno Marrazzo con ospite Fabrizio Mandolini e il Daniela D’Ercole 4tet nel Giardino di Palazzo Spinelli a Scalea) e giovani talenti (tra cui Moods, Hemingway Trio, Antonella Biondo, Smaf 4et, Acoustic Frame, Blues Legacy, Wishlist e New Trio).

Si segnala, altresì, che il Peperoncino Jazz Festival di quest’anno ha proposto, in anteprima ed esclusiva assoluta, il progetto originale “Tenor Legacy” (con l’esibizione a più riprese del super quartetto formato da Daniele Scannapieco (foto in basso a destra), Max Ionata, Reuben Rogers e Clarence Penn), che in autunno verrà prodotto discograficamente dalla Picanto Records e distribuito a livello internazionale dalla Egea Distribution. Questa importante edizione, inoltre, è stata caratterizzata anche da una vera e propria apertura al teatro, con la tre giorni “Storytellers & Jazz” svoltasi nel Cortile del Carcere dell’Impresa a Santa Maria del Cedro, con attori del calibro di Saverio La Ruina (vincitore nel 2007 del Premio UBU come “Miglior Attore” e “Migliore Novità Italiana”), Elena Fazio e Leonardo Gambardella.

Come da tradizione, poi, anche quest’anno la manifestazione non si è esaurita con i grandi concerti serali, ma è stata caratterizzata anche da tutta una serie di eventi correlati: dalle mostre di fotografia e d’arte itineranti (che sono state allestite nelle location in cui si sono svolti i concerti) agli “Aperitivi in Jazz”; dagli “After Midnight” in programma nei jazz club all’esibizione dei migliori jazzisti locali vincitori del concorso “Jazz&Giò”; dalla presenza degli stand espositivi dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, della rivista specializzata JAZZIT e dell’etichetta Picanto Records alle degustazioni di prodotti tipici d’eccellenza. Oltre alle degustazioni di vini (cantine Odoardi e Ippolito 1845), organizzate in collaborazione con la FISAR – Delegazione di Cosenza e a quelle di cedro, a cura del Consorzio del Cedro di Calabria, nelle varie serate il pubblico ha potuto assaggiare la grappa al peperoncino Caffo (ANAG Calabria), le liquirizie Amarelli, i liquori Passaro, i prodotti da forno Cofone ecc.

Ufficio Stampa - Francesca Panebianco

martedì 9 settembre 2008

1^ FIERA DEL POLLINO – CITTA’ DI CASTROVILLARI : UN SUCCESSO ANDATO OLTRE OGNI BEN ROSEA ASPETTATIVA

La prima Fiera del Pollino chiude con un ottimo riscontro di pubblico la sua cinque giorni. Il sindaco di Castrovillari, Franco Blaiotta, il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Mimmo Pappaterra, insieme all’assessore alle attività produttive del Comune, Massimo Di Gaetani, hanno espresso la loro piena soddisfazione per la riuscita della prima edizione della Fiera del Pollino – Città di Castrovillari, svoltasi dal 3 al 7 settembre, in collaborazione con la Fiera dei Due Mari e la Cars & Business, nella nuova area mercatale, allestita a ridosso del Polisportivo, adeguatamente attrezzata. L’iniziativa ha visto la partecipazione di oltre 60 espositori ed ha accolto oltre 10 mila visitatori, riscuotendo un buon successo che è andato ben oltre ogni rosea previsione e che il prossimo anno si vorrà ripetere con un maggior apporto di espositori. “La vetrina, che ha avuto lo scopo di incentivare l’attività economica della città e del suo comprensorio, favorendone gli scambi, proponendo il confronto tra le diverse capacità produttive per attivare la promozione, la ristorazione e l’ospitalità, legati al turismo, senza perdere di vista il proprio patrimonio e le produzioni tipiche, è stata un’occasione utile – affermano gli amministratori di Castrovillari – per far crescere le sue opportunità che vogliamo potenziare, legandole meglio alla zona ed alla città”. L’idea, insomma - ribadiscono gli amministratori -, è di fare di questa esperienza un’occasione di sviluppo turistico oltre che un momento di crescita per i giovani imprenditori ed una spinta per chi desidera entrare nel mondo dell’impresa, di cui questa terra ha tanto bisogno e dove le capacità di innovare, rischiare, assumere decisioni e responsabilità sono quelle specificità senza le quali sarebbe difficile che il nostro sistema economico potrebbe crescere e pensare ad un serio sviluppo”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

CASTROVILLARI- AGITAZIONE DEL PERSONALE COMUNALE IN MERITO AGLI ADEGUAMENTI CONTRATTUALI- CHIESTO INCONTRO CON PREFETTO

L’assemblea dei dipendenti comunali di Castrovillari, svoltasi oggi pomeriggio nel Protoconvento francescano sulla mancata erogazione del salario accessorio 2007 e sugli arretrati contrattuali, ha deciso a maggioranza di voti di chiedere il raffreddamento del conflitto al Prefetto di Cosenza per come prevede la legge in questi casi. L’incontro presso il Prefetto avverrà tra i rappresentanti dell’Amministrazione comunale e quelli sindacali in seguito all’inoltro della richiesta che sarà formalizzata domani mattina, 10 settembr, dalle organizzazioni sindacali . Non sono valse a nulla le affermazioni e considerazioni del sindaco Franco Blaiotta, e del direttore generale Elio Schettini , circa la ferma volontà dell’Amministrazione di accreditare le somme spettanti al personale appena in possesso delle rimesse statali che l’Amministrazione attende, ormai da tempo. Nella discussione hanno preso parte oltre i rappresentanti della RSU Aziendale, guidata da Carmine Marini, anche il responsabile della CGIL Funzione Pubblica, Gino Di Mingo, oltre diversi dipendenti. Nei prossimi giorni, comunque, ci saranno altri incontri con l’Amministrazione per risolvere anche tutte le altre vertenze che sono all’ordine del giorno del tavolo della delegazione trattante, “fermo restando – ha dichiarato il coordinatore Marini- lo stato di agitazione dei dipendenti comunali“. Il sindaco ed il direttore generale hanno fatto presente che “attualmente i dipendenti comunali percepiscono lo stipendio aggiornato con l’ultimo contratto e sono stati corrisposti anche gli arretrati di questi aumenti del salario 2008: da gennaio a giugno. Restano da corrispondere gli arretrati riguardanti il 2006 ed il 2007 ed il salario accessorio riguardante il 2007. L’Amministrazione si è impegnata – aggiungono- a corrispondere quanto dovuto non appena saranno erogati dalle competenti istituzioni le competenze dovute e le somme dall’Amministrazione anticipate e non ancora corrisposte. Basti ricordare che circa sei milioni di euro sono stati anticipati dall’Ente senza che vi sia stato il ristoro da parte delle diverse istituzioni : ministero interno, Grazia e Giustizia , Regione ecc. La richiesta della CGIL- afferma il sindaco- di chiedere il raffreddamento del conflitto al Prefetto di Cosenza appare, così, sproporzionata e non motivata”. L’Amministrazione comunale precisa altresì che “il contratto degli enti locali pur essendo stato sottoscritto da tutte le forze sindacali e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di fine aprile, dando comunque mandato ai Comuni di liquidare entro sessanta giorni le spettanze delegava i Comuni a liquidare le competenze ma senza alcun trasferimento di fondi suppletivi”.

L’Ufficio stampa del Comune di Castrovillari

IL PRESIDENTE PROVINCIALE DELLA FIDAL GIOVEDI’ 11 SETTEMBRE A CASTROVILLARI INCONTRA L’ASSESSORE DE GAIO, ATLETI E SOCIETA’

L’atletica leggera al centro d’incontri dedicati. Il presidente provinciale della FIDAL, Federazione Italiana Atletica Leggera, Vincenzo Caira, sarà a Castrovillari giovedì 11 settembre, alle ore 17, per incontrare atleti , dirigenti ed appassionati. Lo ha reso noto il vice sindaco ed assessore allo sport, Anna De Gaio, la quale riceverà l’esponente nella struttura del Polisportivo, dove si farà il punto, con atleti, appassionati ed associazioni sportive, su iniziative dedicate alla disciplina, per la quale la città di Castrovillari oggi possiede una delle più adeguate piste della Calabria.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

Crisi del settore tessile di Castrovillari. Laudadio invita l'on. Francesco Sulla

On. le Assessore,

in riferimento al disimpegno comunicato dalla Società Fuse Eng S.r.l. in data 1/9/2008, e reso pubblico dagli organi di stampa, relativo alla volontà precedentemente manifestata, di realizzare un insediamento industriale nel settore tessile nel territorio di Castrovillari, insediamento che avrebbe creato 200 nuovi posti di lavoro, dando ossigeno ad un territorio ormai in ginocchio dal punto di vista economico-produttivo, questo Assessorato Provinciale al Lavoro chiede urgentemente una convocazione da parte della S.V., congiuntamente al sindacato e, se ancora disponibili, come speriamo, ai rappresentanti dell’azienda in questione, per esaminare le possibilità di scongiurare questo definitivo disimpegno dell’azienda. Tale eventualità tragica non farebbe che aggravare la definitiva deriva del territorio del Pollino verso un degrado irreversibile non solo dal punto di vista economico-produttivo, ma anche da quello della tenuta democratica e della legalità, se è vero che nella disoccupazione diffusa, nella mancanza di speranza, nella solitudine e nell’abbandono da parte delle istituzioni, germogliano i semi della sfiducia e dell’ostilità nei confronti dello Stato democratico, e si allentano anche i legami con la cultura della legalità, aprendo la strada ad ogni genere di devianze criminali. Con la sollecitudine ed anche con la preoccupazione che le istituzioni devono dimostrare nei confronti dei loro amministrati, ribadiamo la necessità di un incontro urgentissimo, e attendiamo dalla Sua cortesia un rapidissimo riscontro.

Con stima. Prof.ssa Donatella Laudadio

CASTROVILLARI: RIDUZIONE DEI CONSUMI E LIMITAZIONE DELL’INQUINAMENTO LUMINOSO PER L’IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE COMUNALE

Presentato dall’Amministrazione municipale di Castrovillari un progetto per l’ammodernamento della rete comunale. E’ con una certa soddisfazione che Franco Blaiotta, sindaco del capoluogo del Pollino, apprende che il progetto per la “Promozione di iniziative nel campo del risparmio energetico e del contenimento dell’inquinamento luminoso” del Comune, è stato tra i primi ad essere presentato, agli uffici della Regione di Palazzo Europa a Catanzaro. “Il bando, pubblicato dall’Assessorato Regionale all’Energia il ventidue agosto, in pieno clima di ferie estive- spiega il primo cittadino di Castrovillari - , da’ la possibilità di consegnare la documentazione dall’otto agosto fino ad esaurimento delle risorse disponibili. La procedura di selezione a sportello individuata, però, prevede che la graduatoria sia compilata in funzione della data di presentazione. Da qui l’esigenza di “bruciare i tempi” per non vedere sciupata l’opportunità che i fondi comunitari offrono. Il giorno stesso della pubblicazione del Bando, l’Amministrazione Comunale- precisa Blaiotta- ha disposto la redazione di un progetto preliminare che, una volta realizzato, permetterà l’adeguamento di parte dell’impianto di pubblica illuminazione con un finanziamento del 75%, in conto capitale, a fondo perduto. “In meno di quindici giorni l’Ufficio Tecnico Comunale è riuscito ad individuare – aggiunge- una serie d’ interventi che razionalizzano il sistema, riducono i consumi energetici, limitano l’inquinamento luminoso. Ciò è stato possibile in quanto l’Amministrazione Comunale, sin dal suo primo insediamento ha tenuto in notevole considerazione – ricorda ancora Blaiotta- le problematiche ambientali che vanno dal controllo delle emissioni in atmosfera e dei campi elettromagnetici, alla produzione di energia elettrica attraverso fonti energetiche rinnovabili. In particolare nel 2006 ha fatto redigere e poi ha approvato il Piano Regolatore della Pubblica Illuminazione Comunale, nell’ambito del Programma di Sviluppo Urbano (PSU). Con tale strumento di pianificazione energetica, di cui pochissimi comuni d’Italia sono dotati, è stato fatto un censimento puntuale dei punti luce esistenti (oltre 4000), individuando per ognuno di essi le caratteristiche tecniche, funzionali, estetiche, il tipo di lampada presente, il suo stato di efficienza e il processo di smaltimento previsto. Si sono esaminati i quadri e le reti esistenti, le dispersioni presenti e le strategie d’intervento. “Il progetto presentato offre, pertanto- sostiene il sindaco di Castrovillari - la possibilità di attuare l’ambizioso strumento di pianificazione energetica di cui il comune del Pollino è dotato. Gli interventi previsti riguardano: la sostituzione di corpi illuminanti con lampade artistiche che limitano l’inquinamento luminoso e migliorano la visibilità; l’eliminazione di oltre 350 lampade ad elevato consumo e fortemente inquinanti per le difficoltà di smaltimento; la disposizione di riduttori di potenza che riescono a limitare i consumi di oltre il 25%. Un progetto che è, quindi – conclude Franco Blaiotta- , sia in perfetta coerenza con gli obiettivi che la comunità mondiale promuove al fine di limitare le emissioni di anidride carbonica e la dipendenza dai paesi produttori di petrolio, sia in sintonia con le linee programmatiche dell’Amministrazione in materia di energia ed ambiente”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

Domato da Lipambiente e Gruppo Speleo incendio a Morano Calabro sulla SS19 in direzione Castrovillari

Un principio d’incendio, presumibilmente di origine dolosa, è divampato circa alle ore 20,30 in data 8/9/2008, in agro di Morano Calabro in prossimità della SS 19 fra il Km 196 ed il 197, sul lato sinistro della carreggiata in direzione Castrovillari. Sono prontamente intervenuti sul posto i volontari del Gruppo Speleo di Morano Calabro guidati da Roberto Berardi e di Lipambiente guidati da Cosimo Covelli e Fabio Donato. L’incendio era stato avvistato dai volontari di Morano di Lipambiente i quali hanno prontamente segnalato l’evento alla sala operativa dell’Associazione. Solo la prontezza d’intervento dei Volontari di Protezione Civile e dei residenti in zona ha evitato che le fiamme divampassero pericolosamente nel querceto lì vicino e nelle molte abitazioni presenti sul territorio; l’intervento è stato tempestivo ma complesso, considerando la natura aspra e selvaggia del terreno, ma malgrado ciò le fiamme sono state prontamente circoscritte ad un area non superiore ad un ettaro. Pronto è stato anche l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Castrovillari, guidati dal Comandante Maresciallo Luzzi, i quali hanno garantito la circolazione e la sicurezza degli automobilisti sull’antistante SS 19. I mezzi di spegnimento istituzionali non sono però arrivati sul posto per tempo e solo grazie all’intervento dei volontari e dei cittadini presenti, si è evitato che tale incendio assurgesse ad un pericoloso disastro ambientale fra le popolose contrade fra Morano e Castrovillari; è inutile segnalare all’uopo l’inesistenza della rete istituzionale nell’ambito dello spegnimento degli Incendi, ed in particolar modo la latitanza della Regione Calabria, che al contrario della vicina Basilicata, nulla di fatto ha predisposto e previsto per affrontare sul nascere tali calamità. Alle ore 22,30, ad incendio domato, sono pergiunti i Vigile del Fuoco di Cosenza i quali hanno finito di bonificare l’area. A tal proposito il Presidente Nazionale di Lipambiente Cosimo Covelli per l’ennesima volta lancia l’allarme su questa latitanza delle Istituzioni Territoriali competenti: mentre in Basilicata, a soli pochi Km da Castrovillari e Morano Calabro la Regione ha addirittura fornito i Volontari di tutti i mezzi per affrontare la calamità incendi sul nascere, qui in Calabria si continua a fare demagogia, molte promesse mai mantenute e pochissimi fatti. Il Presidente Nazionale Lipambiente Onlus - Cosimo Covelli

lunedì 8 settembre 2008

Il 10 settembre James Senese a Castrovillari per “La meglio gioventù”

Sarà a Castrovillari mercoledì 10 settembre alle 21,30 presso il Piazzale delle Ferrovie, James Senese. La manifestazione rientra nell’ambito della rassegna “La meglio gioventù” ideata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia di Cosenza che fa capo all’Assessore prof.ssa Donatella Laudadio. E’ solo una delle varie iniziative attuate dalla Provincia di Cosenza, grazie alla sensibilità del suo Presidente, on. Gerardo Mario Oliverio, verso le giovani generazioni. A “La meglio gioventù”, ha dato, inoltre, la propria adesione, il Presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra. “Non a caso abbiamo dato questo titolo- dichiara la Laudadio- ispirato al celebre film di Marco Tullio Giordana, visto che la rassegna di musica è dedicata proprio alle giovani generazioni del cosentino”. Nel corso degli anni passati, “La meglio gioventù” ha ospitato musicisti del calibro dei “Matia Bazar”, della Bandabardò, nonché i “The gang” e la band di musica “Ska Bisca Zulù”. Come quelle trascorse, anche l’edizione del 2008 si propone di creare fra i giovani opportunità di socializzazione, riflessione ed espressione artistica. Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente dell’Ente Parco del Pollino, Domenico Pappaterra che commenta a riguardo: “Condividiamo il fine e appoggiamo il progetto. L’obiettivo, che è quello di trattenere ed incrementare la presenza dei ragazzi sui territori dell’interno della Provincia, in quei paesi sempre più privati della loro presenza, dovuta anche alla mancanza di lavoro, ci piace e merita tutta la nostra attenzione”. Senese, nato nel quartiere Miano, figlio di un soldato statunitense afroamericano e di una ragazza napoletana, esordisce negli anni Sessanta con i “4 Con”. Il musicista si distingue per il suo virtuosismo. Tra le varie composizioni, gli album "Mattanza" e "Qualcosa ca nu 'mmore" si caratterizzano per un jazz-rock dalla forte connotazione popolare. Tra le altre cose, ha curato le musiche del film di Ludovico Gasparini "No grazie, il caffè mi rende nervoso" del 1982 con Lello Arena e Massimo Troisi.

CASTROVILLARI: AVVIATA PROCEDIRA DEL PIANO STRUTTURALE COMUNALE

Avviata la procedura per il PSC di Castrovillari. “Con delibera di giunta municipale n° 208 del 04.09.08, l’Amministrazione Comunale di Castrovillari, ha avviato la procedura del piano strutturale, affidando l’incarico all’Ufficio del Piano”. Lo ha reso noto l’assessore ai lavori pubblici del capoluogo del Pollino, l’avvocato Pierangelo De Padova, il quale riferisce che “ con tale atto , il Comune, ha così, ottemperato alle disposizioni della Legge Urbanistica Regionale n° 19/02 che vedeva quale termine ultimo per l’avvio della procedura la data del 18.09.08” . “L’Assessorato all’Urbanistica – aggiunge l’amministratore - definirà nei prossimi giorni, con l’ufficio del piano, il cronoprogramma dei lavori, per il raggiungimento degli obiettivi imposti dalla legge entro i termini prestabiliti. Grande attenzione verrà data, da parte mia, poi, relativamente alla partecipazione di tutte le parti sociali e della cittadinanza intera, per la formazione dell’importante strumento di programmazione territoriale, che sostituirà il vecchio piano regolatore generale. Per tali ragioni- precisa ancora De Padova - seguiranno nei prossimi mesi, una serie di incontri e dibattiti con tutte le parti sociali al fine di sensibilizzare e preparare l’opinione pubblica alle diverse forme di partecipazione, quali ad esempio gli “urban center” – centri di informazioni e di ascolto, previste dalla normativa regionale e dalle linee guida. Attraverso l’adozione del nuovo strumento urbanistico – conclude De Padova- la città di Castrovillari, si preparerà dunque a delineare le nuove strategie di sviluppo territoriale per i prossimi decenni per la zona di Castrovillari e del Pollino”.

L’ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

E’ GINEVRA ABBUZZESE MISS CASTROVILLARI 2008

Si chiama Ginevra Abruzzese, ha 16 anni ed è di Cosenza, la Miss Castrovillari della quinta edizione, ideata e pensata dalla Scuola di ballo “Pam” di Pamela Scruci che, anche quest’anno, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, ha celebrato la manifestazione, mietendo successo ed interesse. Lo ha reso noto l’assessore , Umberto Malagrinò, il quale ha ricordato la bontà “dell’appuntamento che si è tenuto domenica sera, in piazza Municipio tra musiche, balli, ospiti e una bella scenografia che ha accolto le performance e gli sfidanti”. In gara quest’anno anche i più piccoli a cui sono andati gli applausi del pubblico. Tra questi sono stati scelti come mister e miss baby: Alessandro Gaetani di sei anni e Martina Rotondaro di cinque anni. In pista hanno dato prova della loro bravura pure gli allievi della stessa scuola di ballo, Pam, che hanno intervallato, con altri ospiti, la gremita serata. La manifestazione, presentata da Francesca Lagoteca , ha riproposto un momento di intrattenimento nel segno della più genuina castrovillaresità, “grazie principalmente – ricorda l’assessore - alla professionalità di Pamela Scruci ed alla sua inesauribile dedizione per la scuola di ballo ”. “Insomma, un’occasione che ha interessato – ha affermato Umberto Malagrinò – offrendo a quanti sono intervenuti, una serata di relax e di divertimento, dove la bellezza e le capacità di tante ragazze hanno testimoniato la valenza del concorso, che vuole crescere ed affermarsi sempre più. Ringraziamenti – ha concluso- da parte dell’Amministrazione a quanti hanno reso possibile questo evento e collaborato per la buona riuscita della manifestazione”.

L’ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

mercoledì 3 settembre 2008

SOLIDARIETA’ DEL SINDACO BLAIOTTA A CAMILLO PRIMAVERA

Parole di solidarietà alla famiglia del primo caporal maggiore, Camillo Primavera, appartenente al primo reggimento bersaglieri di Cosenza, sono state espresse dal sindaco di Castrovillari, Franco Blaiotta, appena la notizia si è diffusa in città, riguardante il ferimento non grave del milite in Afghanistan, durante un rifornimento aereo. Contattato il primo cittadino del capoluogo del Pollino, questi ha ricordato l’importante lavoro che sta svolgendo il soldato ed il contingente italiano in quella terra, tra la regione di Kabul e l’area occidentale, nell’ambito della missione Isaf della Nato per assistere le forze di sicurezza locali. Per il 23enne castrovillarese, ricordato in città per la sua vincente performance ad un’edizione televisiva del sabato sera, intitolata “Scommettiamo che..”, gli auguri più sentiti per una pronta guarigione del sindaco a nome e per conto dell’intera popolazione.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

CASTROVILLARI - DAL 6 SETTEMBRE AL 6 OTTOBRE LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA

Cinema in città nel segno della Commedia all’italiana. La rassegna cinematografica “Italiani… che commedia!” , con ingresso gratuito, a cura della Mediateca e della Biblioteca “Umberto Caldora” che andrà avanti sino al sei di ottobre con sei films, grazie al patrocinio dell’Amministrazione comunale - assessorato alla cultura, verrà aperta ufficialmente alle ore 21 nel Cortile di Palazzo Cappelli il 6 settembre all’inizio della “Notte bianca” della città di Castrovillari, voluta dall’Amministrazione municipale - assessorato al turismo e spettacolo. Sabato sei si inizierà, così, con la proiezione del film “I soliti ignoti” di Mario Monicelli per passare a lunedì otto settembre con “La grande guerra” dello stesso regista. Lunedì, 15 settembre, sempre nello stesso Cortile, luogo della Rassegna, sarà la volta di “Una vita difficile” di Dino Risi, mentre lunedì’ 22 settembre verrà proiettato ”Il sorpasso” dello stesso cineasta. Lunedì 29 settembre sarà proposto “Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e lunedì 6 ottobre “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola chiuderà la rassegna che si prefigge di rivisitare la cosiddetta “commedia all’italiana”, genere cinematografico sorto negli anni ’50 del Novecento e sviluppatosi nei successivi anni '60 e '70, mietendo tanto successo ed interesse che si incontra ancora oggi. “Questo filone cinematografico – spiegano gli organizzatori - fu espressione di uno dei periodi più prolifici del cinema italiano del dopoguerra; esso diede conto dei grandi cambiamenti della società italiana di quegli anni, dal boom economico al mutamento nella mentalità e anche nel costume degli italiani, dal rapporto con il potere e con la fede alla ricerca di nuove forme di emancipazione economica e sociale. La satira di costume, l'ambientazione borghese, una costante sostanziale amarezza di fondo che stempera i contenuti comici, fanno del genere un perfetto connubio di situazioni farsesche tipiche della commedia pura e dei toni drammatici del movimento neorealistico”. “Un’occasione- aggiunge il sindaco, Franco Blaiotta - per gustare, nell’antico cortile e storico palazzo cittadini del Settecento, un filone ancora apprezzato, che ribadisce la bontà dell’efficace creazione, da parte di intramontabili maestri, di capolavori senza tempo”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

martedì 2 settembre 2008

Stagione Sportiva 2008/2009 alla Scuola Calcio Inter A.S.D. Inter Logos Alto Jonio

Con immenso piacere vi comunichiamo che sono aperte già da una Settimana le iscrizioni per la Stagione Sportiva 2008/2009 alla Scuola Calcio Inter A.S.D. Inter Logos Alto Jonio. La Scuola Calcio Inter si rivolge alla fascia di età da 5 a 16 anni. I suoi obiettivi sono: offrire occasioni di gioco spontaneo da cui attingere esperienze motorie e morali significative; dare il miglior avviamento alla pratica del gioco-sport calcio; rispettare le diverse esigenze fisiologiche, psicologiche e pedagogiche di ciascun allievo. Le attività della Scuola Calcio Inter, che partiranno il prossimo 15 Settembre, hanno come campo principale il Centro Sportivo Polivalente di Villapiana (cs) e come campi secondari i campi di giuoco di Amendolara (cs) e Roseto Capo Spulico (cs). Sono previste molte iniziative tra cui tornei interni, campionati ufficiali FIGC, visite alla Pinetina e incontri con i campioni dell'Inter, inviti allo Stadio S. Siro in occasione delle partite della prima squadra, feste, gadgets F.C. Inter e tanto altro ancora! La mission: La Scuola Calcio Inter - A.S.D. Inter Logos Alto Jonio a partire dalla Stagione Sportiva 2008/09 punta in maniera decisa ed investe molte risorse sul proprio vivaio, potenziando ed organizzando il Settore Giovanile sul modello dei Club di categoria superiore.

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI

QuoteIscrizione al momento della sottoscrizione e le successive quote in due rate (la prima entro dicembre, la seconda entro febbraio), Abbigliamento FornitoKit Ufficiale Nike Prima Squadra più Maglia Allenamento, 1 Pantaloncino, Calzettoni, Tuta, K-Way, Borsa Calcio, Cappellino, Pallone, Campi di GiuocoPrincipale: Centro Sportivo Polifunzionale – Villapiana (cs)Secondari: Campo Sportivo Roseto Capo Spulico (cs) , Campo Sportivo Amendolara (cs), Allenatori, Preparatori, Supervisori Tecnici, Direttori di SettoreAccattato Vincenzo, Corrado Giorgio, Pagliaminuto Rocco, Vitale Francesco, Pisapia Vincenzo, Bosco Francesco, Tridico Vincenzo

Attività

2 sedute di allenamento settimanali: inizio corsi 15/09*; pausa invernale (dal 17/12 al 13/01); fine corsi 31/05Schede valutative delle abilità e delle capacità motorie individuali, Tornei Interni, Giochi Polisportivi

Informazioni Generiche

Iscrizioni aperte per le seguenti fasce d’età: Piccoli Amici (2001-02-03), Pulcini (1998-99-00), Esordienti (1996-97), Giovanissimi (1994-95), Allievi (1992-93). Inoltre la Quota comprende i seguenti OmaggiInviti allo stadio San Siro e alla Pinetina, incontro con i campioni della prima squadra, festa di fine anno, gadgets F.C. Inter“Libretto di Deposito dello Sportivo” offerto dalla BCC – Banca dello Jonio Albidona * L’inizio delle attività sarà determinato dal numero di iscrizioni e di conseguenza dai Gruppi di Lavoro che si verranno a formare. Le Attività del Gruppo Allievi saranno completamente gestite dall’A.S.D. Inter Logos Alto Jonio ma gli stessi militeranno nel campionato di competenza per le file della F.C. Albidona (I Categoria)

IL PRESIDENTE Dott. AMODEO Giandomenico http://www.interlogosaltojonio.tk/ +39.348.8400837

IL MOVIMENTO CRISTIANO LAVORATORI ALLA FIERA DEL POLLINO

Il sodalizio cattolico rappresenta una delle realtà d'ispirazione cristiana più importanti del territorio

"Siamo presenti lì dove il mondo del lavoro si confronta e produce. In questi spazi, vitali per l�economia del nostro territorio, ci sono persone che lavorano e che rivendicano i loro diritti, per questo è giusto esserci, non soltanto per presentare al vasto pubblico la rete dei nostri servizi, ma per dimostrare quell'attenzione verso il mondo del lavoro che ispira il nostro impegno quotidiano".

Sono le parole di Leonardo De Marco, componente del consiglio provinciale M.C.L., che sottolineano il perchè della presenza del sodalizio cattolico alla prima edizione della Fiera del Pollino, in programma nella città del Pollino dal 3 al 7 settembre, presso l'area mercatale di Via SS. Medici. Il M.C.L. sarà presente con uno stand all'interno dell'area espositiva e sabato 6 settembre ospiterà anche il Vice presidente Nazionale del sodalizio, Vincenzo Massara, proprio per consolidare in maniera sempre più forte il rapporto con il territorio del Pollino nel quale si presta già assistenza ad oltre quattromila iscritti.

Il Movimento Cristiano Lavoratori

E' presente in Italia, in Europa, negli USA e in diversi stati dell'America Latina, e da oltre quattro anni opera in Provincia di Cosenza attraverso i propri organismi provinciali dei servizi ad esso connessi. E' un movimento di lavoratori cristiani, di promozione sociale, di solidarietà e di volontariato senza fini di lucro. Raggruppa coloro che, nell'applicazione della Dottrina Sociale della Chiesa, secondo l'insegnamento del suo Magistero, ravvisano il fondamento e la condizione per un rinnovato ordinamento sociale, in cui siano assicurati, secondo giustizia, il riconoscimento dei diritti e la soddisfazione delle esigenze spirituali e materiali dei lavoratori. Il Movimento Cristiano Lavoratori intende promuovere e affermare i principi cristiani nella vita, nella cultura, negli ordinamenti, nella legislazione e per questo intende operare come movimento ecclesiale di testimonianza evangelica organizzata ed in fedeltà agli orientamenti del Magistero della Chiesa, consapevole di un suo specifico ruolo nella società. Scopi principali del movimento sono lo studio dei problemi che interessano i lavoratori, ricercandone le soluzioni alla luce dei principi sociali cristiani, per la loro integrale promozione, perseguire un'azione di orientamento dell'opinione pubblica e di stimolo agli organi responsabili della vita del Paese e di ogni altro organismo inerente il mondo dei lavoratori, anche a livelli internazionali. Oltremodo il M.C.L. cura la formazione culturale, religiosa, morale e sociale dei lavoratori, formandoli alla testimonianza cristiana e ad un coerente impegno sociale negli ambienti di vita e di lavoro, oltre a realizzare una costante opera di formazione tra i lavoratori per promuovere una loro piena partecipazione alla vita sociale, affinchè vi portino un consapevole e determinato contributo, e tutela e promuove i diritti delle famiglie dei lavoratori e non.

Il M.C.L. nel territorio del Pollino

Oggi nella realtà del Pollino il Movimento Cristiano Lavoratori è divenuta una realtà consolidata ed un punto di riferimento per oltre quattromila iscritti su tutto il territorio. La sede provinciale M.C.L., con sede a Castrovillari, e il patronato Sias, diretto da Rita Santagada, responsabile provinciale, rappresenta un punto nevralgico dell'azione di assistenza e tutela sociale offerta gratuitamente presso gli istituti previdenziali e gli altri enti preposti alla gestione dei servizi ai cittadini.

Vincenzo Alvaro

CASTROVILLARI PRONTA PER UNA NOTTE BIANCA DA NON DIMENTICARE

“Inizierà alle ore 21 di sabato 6 settembre la “Notte bianca” di Castrovillari, organizzata dall’Amministrazione comunale – assessorato al turismo e spettacolo”. Lo ricorda lo stesso assessore, Umberto Malagrinò, il quale precisa che la manifestazione legherà Canal Greco al rione Civita attraverso l’isola pedonale di via Roma con una serie di iniziative tra musica, mostre, stand gastronomici, dove la gente sarà protagonista. “La città si prepara anche con l’importante contributo dei commercianti- dichiara Malagrinò- e dei giovani. Le band del luogo, non a caso, saranno un valore aggiunto nella proposta che metterà in movimento tutte le energie, i talenti e le capacità locali, i quali costelleranno il percorso degli eventi in programma”. Alle ore 21.00 – annuncia l’assessore Malagrinò, spiegando nel dettaglio il programma- , a Palazzo Cappelli, l’apertura della rassegna cinematografica “Italiani… che commedia?” con proiezione del film “I soliti ignoti” di Mario Monicelli a cura della Mediateca e della Biblioteca “Umberto Caldora” che andrà avanti sino al sei ottobre con sei films grazie anche al patrocinio dell’assessorato alla cultura del Comune, mentre a Palazzo Gallo, alla stessa ora, sarà proposta una Collettiva di Pittura. Alle 22 su via Roma si celebrerà la Sagra del Cocomero a cura del Gruppo Folk “I Castruviddari”, con animazione ed alle ore 22:30 sull’ Isola Pedonale di via Roma, Notte Live, con concerti di Band e Cover che vedrà al Palco n. 1 “Rosa dei Venti”: The Lizard Kings, Another Day, Cover di Ligabue , Feletti Gallo Sisca; al Palco n. 2, in “ Corso Garibaldi”: Rock’n Roll’s Creek, High Voltage, Rattle Snake ed al Palco n. 3, in “via Muzio Pace” (Corso Garibaldi Sud): The Warlus, Roberto Cherillo, Luigi Negroni Trio, Chiodi Acoustic Session, Seattle Sound Tribute. Alle ore 24:00 sul camminamento di Canal Greco si terrà il Concorso Miss Maglietta Bagnata, con la partecipazione di Modelle e la Festa della Birra. Sul Palco di Via Muzio Pace, a sud di Corso Garibaldi, quasi in contemporanea, Amore e Psiche di Apuleio, Reading di Minella Bloise. All’una, invece, sul Piazzale della Chiesa di San Giuliano , nel Rione Civita, tutti in compagnia del DJ Set, Minimal attraction Dj Farina, Dj Guzzo & Friends. Saranno previsti Stand etno-gastronomici e di artigianato sull’Isola Pedonale di via Roma, mentre l’associazione “Khoreia 2000” animerà con esibizioni di BreakDance lungo il percorso concertistico. La conferenza stampa di presentazione della manifestazione, invece, è stata organizzata per le ore 11 di giovedì 4 settembre, nella sala Giunta, al primo piano di Palazzo Gallo. “Un’occasione- ricorda ancora l’assessore Malagrinò- dove gli spettacoli e l’assetto urbano faranno da trait d’union per rappresentare al meglio i luoghi più suggestivi di Castrovillari, a partire da corso Garibaldi e via Roma al centro storico , al rione Civita, il cosiddetto, quest’ultimo, salotto buono della città, luoghi sempre più adibiti ad accogliere manifestazioni di ogni genere, di cui la gente sente il fascino per l’opportunità che viene data alla vita di relazione . Un momento, insomma- aggiunge l’assessore Malagrinò –, anche per dare il senso di questa città ed il ruolo che vuole svolgere, con le sue tante possibilità. E un modo per godere – ribadisce – spazi antichi e nuovi, e per riproporli, facendo apprezzare una città che diventa sempre più bella , fruibile ed occasione di promozione ed incontri”.

L’ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

TUTTO PRONTO PER LA PRIMA EDIZIONE DELLA "FIERA DEL POLLINO - CITTA’ DI CASTROVILLARI" CHE SI APRIRA’ IL TRE SETTEMBRE

Gazebo bianchi d’ogni forma per accogliere gli stands della prima edizione della Fiera del Pollino - Città di Castrovillari in programma dal 3 al 7 settembre nel capoluogo, organizzata dall’Amministrazione comunale - assessorato alle attività produttive con il patrocinio e coorganizzazione dell’Ente Parco del Pollino e di Sviluppo Pollino ed in collaborazione con la Fiera dei Due Mari e Cars & Business. “Sono stati allestiti, a mo di villaggio, a ridosso del Polisportivo, su via SS. Medici, nella nuova area mercatale- precisa l’assessore alle attività produttive, Massimo Di Gaetani, annunciando l’apertura in programma mercoledì 3 settembre, 17,30 con il taglio del nastro da parte del sindaco Blaiotta, presente il vescovo della Diocesi, Mons. Vincenzo Bertolone, e la madrina, Valentina Tarsitano, appartenente allo staff di AMICI - completamente attrezzata per l’occasione e con ingresso gratuito. L’iniziativa- ricorda- ha lo scopo di incentivare l’attività economica della città e del suo comprensorio, favorendone gli scambi, proponendo il confronto tra le diverse capacità produttive, cercando di intercettare e percorrere nuovi percorsi di sviluppo, attivando l’importante indotto in settori quali la promozione, la ristorazione e ospitalità, senza perdere di vista il proprio patrimonio e le produzioni tipiche che fanno parte delle potenzialità di un territorio pregno di risorse e capacità”. “ Il progetto - aggiunge il sindaco, Franco Blaiotta- vuole far crescere questo territorio e le sue opportunità che vogliamo inserire in una progettualità più ampia tra storia ed eccellenze che una manifestazione del genere può rilanciare, legando meglio la zona alla città, candidando l’area a divenire centro di relazioni imprenditoriali, dell’artigianato, dell’agricoltura e del commercio, a partire da quelle imprese di qualità che possono già fare da battistrada ad uno sviluppo più integrato”. L’idea, insomma- ribadiscono gli amministratori-, è di fare di questa esperienza un’occasione di scambi oltre che un momento di crescita per i giovani imprenditori ed una spinta per chi desidera entrare nel mondo dell’impresa, di cui questa terra ha tanto bisogno e dove le capacità di innovare, rischiare, assumere decisioni e responsabilità sono quelle specificità senza le quali sarebbe difficile che il nostro sistema economico potrebbe crescere e pensare ad un serio sviluppo”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

lunedì 1 settembre 2008

Rossella Blaiotta è la nuova “Miss Arbëreshe” - XII Edizione

Rossella Blaiotta è la nuova “Miss Arbëreshe”. La giuria della XII edizione del concorso, tenutasi ieri a Spezzano Albanese, l’ha eletta senza esitazioni dopo attente votazioni. Diciotto anni, proveniente da Frascineto (Cosenza), la bionda concorrente originaria della comunità italo-albanese situata ai piedi del Pollino ha sbancato la concorrenza delle altre miss in gara andando a conquistare scettro e corona, e con essi l’ambito titolo di “ragazza più bella d’Arbëria”. Alle sue spalle si sono classificate al secondo posto Paola Tarsia, di Spezzano Albanese, e Martina Alessandra Cristiano, di Santa Caterina Albanese (Cs), cui invece è toccato il terzo gradino del podio. La giuria tecnica, presieduta da Pino Cimenti, ha poi decretato anche i seguenti riconoscimenti: “premio simpatia” a Caterina Della Motta di Mongrassano (Cs); “ragazza portamento” a Liberatore Giamaica di Montecilfone (Cb); “ragazza sorriso” a Maria Spata di Palazzo Adriano (Pa); “ragazza interpretazione” a Federica Ambrosiani di Plataci (Cs); “ragazza spettacolo” a Federica Barbati di Spezzano Albanese. Il premio per il miglior costume, dopo un “ex aequo” che ha indotto la giuria tecnica ad un’attenta ulteriore analisi di tre costumi subito dopo l’ultima sfilata delle miss in passerella, è andato a Francesca Saltaformaggio di Piana degli Albanesi (Pa). La serata è stata presentata con bravura e professionalità dalla bella attrice Ramona Badescu, coadiuvata perfettamente nel compito dal giornalista Franco Lorenzo e dalla “Miss Arbëreshe 2004” Ilaria Parrino. La cornice di pubblico che ieri sera ha gremito il palazzetto dello sport spezzanese è stata quella delle grandi occasioni, con picchi davvero vicini al tutto esaurito nella seconda parte della serata, quando la giuria ufficiale, presieduta da Francesco Fusca, ha dovuto eleggere la nuova “Miss Arbëreshe”. Tutto ciò che succedeva in passerella è stato raccontato in diretta radio dalle giornaliste di Cometa Radio (partner dell’evento) Antonella Balestrieri e Antonia Russo le quali, grazie al sito internet dell’emittente, in pratica hanno trasferito quanto accadeva in tutto il mondo in presa diretta. Soddisfatto, a fine serata, Cosimo Montone, presidente della Pro Loco di Spezzano, ente che ha organizzato il tutto con il patrocinio del Comune di Spezzano e con la collaborazione degli enti Provincia di Cosenza e Regione Calabria. Tornando alle cifre, sono state ben 42 le ragazze che hanno sfilato ieri sera al palasport spezzanese, provenienti da 20 comunità italo-albanesi d’Italia. Così come per la tre edizioni, l’alto numero di partecipanti ha permesso ai fortunati che hanno assistito alla kermesse di ammirare la bellezza e la sfarzosità dei costumi tradizionali arbëreshë delle varie miss, ognuna in passerella con il costume antico tipico della tradizione del proprio paese di provenienza. Colori e ornamenti si sono miscelati insieme alla bellezza delle ragazze arrivate a contendersi il titolo di “Miss Arbëreshe 2008”, per un risultato unico e sfavillante, che ha letteralmente rapito il pubblico presente fino a oltre mezzanotte, quando tra gli applausi del pubblico sono state enunciate le concorrenti premiate. Tutte le miss in gara sono state addobbate, in una delle uscite, con i gioielli del bravo orafo spezzanese Stanislao Misurelli, che ha creato per l’occasione preziosi stilizzati sul modello della cultura italo-albanese, lavorati in microperle con tecnica e pazienza. Da segnalare che durante la manifestazione si sono esibiti il gruppo folk di Greci (Av) denominato “Katundi Zëmbra Jone”, i vincitori della XXVII edizione del Festival della Canzone Arbëreshe di San Demetrio Corone (Ernesto Iannuzzi, Pino Cacozza e Jessica Novello) e il gruppo spezzanese “Ata ka Spixana” (Emanuele Armentano, Cenzino Barbati e Peppino De Marco). A tutto ciò bisogna aggiungere la mostra fotografica “Immagini di una cultura Arbëreshe”, a cura di Vincenzo Splendido, ammirata da tutti all’interno del palasport spezzanese. Prima dell’inizio della manifestazione, apertosi con la sigla d’apertura realizzata da Emanuele Armentano, ci sono stati gli interventi del sindaco di Spezzano Albanese Ferdinando Nociti e dell’assessore regionale al turismo Damiano Guagliardi, i quali hanno sottolineato come l’evento spezzanese si un momento di cultura, valorizzazione della cultura italo-albanese e aggregazione sociale tra i popoli d’Arbëria, oltre che di spettacolo e bellezza.

Johnny Fusca

Area Comunicazione “Miss Arbëreshe”cell. +39 349 2586002 - email: info@missarbereshe.it

venerdì 22 agosto 2008

Danilo Rea conquista l’antica Sybaris

...e lo fa con l’arma a lui più amata; la musica
Nella prestigiosa location del Parco archeologico di Sibari, il grande Rea, uno dei migliori pianisti jazz del panorama europeo, ha conquistato tutti col suo coinvolgente “Piano Solo”, durante l’appuntamento itinerante che il Peperoncino Jazz Festival 2008 ha messo in scena nella località sibarita. Ed il pubblico, numeroso, ha sottolineato l’importanza dell’evento con una partecipata compostezza, un silenzio che trasmetteva emozione; incanto. Incantevoli anche le antiche mura elleniche, magistralmente illuminate e rese così ancora più affascinanti; il cielo stellato sembrava voler proteggere il magico momento, mentre l’aria, ormai rinfrescata, si riempiva di armonie e suoni. Sybaris e Rea, una perfetta combinazione, come lo stesso sindaco di Cassano allo Ionio, Gianluca Gallo, ha più volte espresso durante il suo breve intervento. Danilo Rea ha meravigliato spaziando dalla musica classica a quella moderna; dalla Cavalleria Rusticana a Marinella e Pescatore di Fabrizio De Andrè, brani di Morricone, Beatles. Un concerto durato ben oltre l’ora programmata. Diplomatosi presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, Danilo Rea ha debuttato come pianista jazz nel lontano ’75, con uno storico Trio romano Rea-Pietropaoli-Gatto. Sarà componente del quintetto di Giovanni Tommaso e dei Lingomania (gruppo capitanato dal sassofonista e compositore Maurizio Giammarco), nei Doctor 3, con cui ha registrato vari dischi che hanno riscosso enorme successo di pubblico e critica (tra cui “The Tales of Doctor 3”, premiato come Miglior Disco di Jazz italiano nel Top Jazz del 1998 e “The Songs Remain the Same”, premiato come Miglior Disco di jazz italiano da Musica & Dischi nel 1999, anno in cui il gruppo si è affermato anche come “Miglior Gruppo” nella classifica del "Top Jazz" della prestigiosa rivista “Musica Jazz”). Ma Danilo è un pianista ricercatissimo anche nell’ambito Pop, e ne sono prova le molte apparizioni al fianco di Mina (da più di dieci anni è il suo pianista di fiducia!), Claudio Baglioni, Adriano Cementano, Pino Daniele, Gianni Moranti, Fiorella Mannoia, Renato Zero e Riccardo Cocciante. Il suo concerto è stato una commistione di stili musicali, caratterizzato da accattivanti interpretazioni di brani di musica leggera splendidamente riarrangiati in chiave jazzistica. Al termine della serata, gli spettatori, negli appositi stand, hanno potuto degustare la Grappa al Peperoncino (distillato da Caffo) e le specialità della Liquirizia Amarilli. Praticamente svuotato del materiale informativo invece è stato lo stand dell’Ente Parco del Pollino; dimostrazione questo del grande interesse che la montagna provoca anche nei vacanzieri del mare Il Peperoncino Jazz Festival, fortemente voluto a Sibari dal sindaco Gallo, oltre che da Rosetta Console, assessore provinciale al Turismo e Spettacolo, è stato diretto da Sergio Gimigliano ed organizzato dall’Associazione Picanto con il contributo dell’Assessorato al Turismo e Spettacolo della Provincia di Cosenza, dell’Ente Parco Nazionale del Pollino.
Paride De Paola

SECONDA BIENNALEDI MAIL ART «TYPEWRITER»

Il prossimo 26 agosto a San Demetrio Corone la Biennale.

Fino al 31 agosto si potranno ammirare antichie originali modelli di macchine per scrivere

A San Demetrio Corone, paese italo-albanese in provincia di Cosenza, in coincidenza con la festa di Sant’Adriano, si terrà dal 26 al 31 agosto, la seconda biennale di Mail Art, e cioè l’arte impressa su cartoline che viaggia esclusivamente via posta. Nel 2006 fu il turno dei tarocchi, l’edizione di quest’anno, intitolata “Typewriter”, è dedicata ad un oggetto considerato di modernariato: la macchina per scrivere.Fino ad una ventina di anni fa, chi voleva presentare un documento in modo leggibile utilizzava la macchina per scrivere, ora sostituita dalla videoscrittura dei personal computer. La sua storia, certamente gloriosa, inizia nel 1846 con l’avvocato novarese Giuseppe Ravizza, che la pensò inizialmente con scopi umanitari, in quanto destinata alla comunicazione dei non vedenti. Fu un grande successo per questo strumento fornito di tasti su cui erano impressi i caratteri tipografici; l’uso ebbe una diffusione tale da far nascere una nuova professione, prevalentemente femminile: quella della dattilografa, che, tra l’altro, alimentò tantissime pubblicità e vignette satiriche.Come tutte le invenzioni di successo, furono tanti gli accessori ideati e realizzati per un perfetto utilizzo della macchina per scrivere, che oggi sembrano appartenere a un altro mondo: la gomma a dischetto, antesignana del bianchetto, il nastro colorato (nero e rosso), la carta carbone che consentiva di avere più copie conformi all’originale e successivamente anche il tasto “neutro” per preparare le matrici ad inchiostro per il ciclostile. Un interessante accessorio furono le cosiddette “testine rotanti”, che consentivano il cambio di carattere, aggiunte proprio quando la storia della macchina per scrivere volgeva al termine ed iniziava l’era del computer. Tra i vari modelli, il più originale e diffuso in Italia fu la celebre “Lettera 22” (dal peso di 4 chilogrammi con la sua valigetta di similpelle con maniglia), disegnata dall’architetto Marcello Nizzoli e prodotta dall’Olivetti negli anni Cinquanta, che vinse anche un prestigioso premio internazionale come miglior prodotto del design italiano. La "Lettera 22" fu venduta in milioni di esemplari ed ebbe, tra l’altro, prestigiosi fan come i giornalisti Enzo Biagi ed Indro Montanelli. Quello che si vuole celebrare a San Demetrio Corone, nei locali del Collegio italo-greco, a partire da martedì 26 agosto e nei giorni successivi è il fascino di questo particolare strumento di comunicazione, unanimemente riconosciuto. Si inizierà alle ore 18 con l’inaugurazione di due mostre: la prima è un’esposizione di diversi modelli di macchine per scrivere di proprietà del prof. Renato Guzzardi direttore del Ceris (Centro Ricerche e Sviluppo); la seconda, a cura di Claudio Grandinetti, direttore dell’Archivio Internazionale di Mail Art, presenterà oltre 300 opere, inviate via posta da 162 artisti di ben 37 paesi, tra cui Benin, Corea del Sud, Goiana, Honduras, India, Indonesia, Singapore e Venezuela. Una vera e propria olimpiade dell’arte gratuita che viaggia con il solo costo del francobollo, dedicata alla cara e vecchia macchina per scrivere ed alle dolci manine di tante dattilografe che con pazienza ed amore hanno reso in modo leggibile tanti documenti che ci ricorderanno l’appena ieri.
Demetrio Guzzardi

venerdì 15 agosto 2008

Plataci. Ancora incendi. In fiamme oltre 50 ettari di verde

Interventi tardivi. Polemico Giacinto Basile

Sono oltre 50 gli ettari di vegetazione andati in fumo nelle ultime ore a causa di un vasto incendio divampato già dalla tardi mattinata del 13 scorso nelle contrade montane di Manca San Pietro e Sant’Elia del Comune di Plataci. Un incendio che ha incenerito indisturbato vigneti, uliveti ed un esteso querceto comunale, trovando sulla sua strada solo gli esili sbarramenti di quei pochi operatori forestali del luogo. Le forze aeree, richieste tempestivamente dal sindaco di Plataci, Francesco Tursi, sono giunte sul luogo solamente la mattina successiva. A vegliare sulle abitazioni rurali c’erano i Vigili del Fuoco di Trebisacce, ma nulla potevano contro le alte fiamme. “Mancano uomini, mezzi ed una buona strutturazione contro gli incendi nella nostra Regione – dichiara polemico il verde Giacinto Basile, membro in Giunta dell’ente Parco del Pollino. – Ancora una volta, per la mancanza di un intervento immediato, abbiamo assistito impotenti all’ennesimo scempio.” L’emergenza, che ha visto l’impiego di due Canadiar e unità del CFdS, è rientrata solo a metà giornata di ieri, quando da terra hanno spento gli ultimi focolai di un incendio dalle origini ancora da stabilire.

Paride De Paola

mercoledì 13 agosto 2008

Villapiana. Un uomo rischia l’annegamento; determinante l’intervento in acqua di un agente di Polizia.

Erano le 11 quando ieri mattina, nel tratto di mare antistante la spiaggia ghiaiosa di Villapiana “112”, un uomo, G.R. un 35enne originario di Castrovillari, si trovava in acqua. Con se un salvagente; in seguito si saprà che l’uomo non sapeva nuotare. Il tratto di costa in questione si trova in periferia nord del centro abitato di Villapiana Lido, una spiaggia libera priva di postazioni adibite al servizio di salvataggio. Inavvertitamente l’uomo viene trascinato al largo dalle correnti marine; in un primo momento nulla faceva intendere al peggio. G.R. con il suo galleggiante sembrava sguazzare tranquillo quando all’improvviso perde la presa della ciambella. E’ il panico. L’uomo si dibatte, cerca aiuto, ingerisce acqua e più di una volta viene sommerso dalle acque, mentre da riva, per gli sguardi distratti dei bagnanti, il tutto sembra un gioco, uno scherzo. Ma non è parso un gioco per G.M., Ispettore Capo del Commissariato di Castrovillari, fuori servizio, mentre si trovava in spiaggia con la propria famiglia. L’agente non ha avuto esitazioni, e richiamando le attenzioni dei presenti, si è tuffato in acqua raggiungendo a nuoto il pericolante, oltre 100 kg di peso, ormai in uno stato di semi-incoscienza e mostrando un aspetto cianotico. Trasportato a riva, l’Ispettore avviava sul malcapitato G. R. la pratica di rianimazione cardio-polmonare. Intanto giungeva sul posto l’ambulanza del 118, allertata tempestivamente dai bagnanti stessi. Dopo essere riusciti a far espellere diverse quantità di fluidi, l’uomo è stato trasportato al Pronto Soccorso di Trebisacce, quindi il reparto di Rianimazione di Corigliano C. Gli omaggi di tutti all’Ispettore Capo, per nulla restio ad interventi durante il suo periodo di riposo. Proprio lo scorso 23 aprile, sempre fuori dal regolare servizio, G. M. sventava infatti una rapina a Villapiana, portando al blocco, quindi all’arresto del furfante di turno. Paride De Paola

martedì 12 agosto 2008

L'assessore De Gaio ha ricevuto in Comune il direttore Sportivo del Sorrento, Danilo Pagni

Il vice sindaco ed assessore allo sport, Anna De Gaio, continua a pensare alla crescita delle attività sportive in città. Questa mattina, al primo piano di palazzo Gallo, ha ricevuto il direttore sportivo del Sorrento, Danilo Pagni, ex direttore del Gallipoli e Vittoria Calcio per un confronto di idee sullo sport giovanile a Castrovillari. L’incontro, in realtà, è stato finalizzato all’ipotetica realizzazione di un centro formazione giovanile nel territorio, avendo a disposizione un pool di tecnici qualificati, dediti alla formazione dell’individuo sportivo. Una centro che accompagni i ragazzi dai primi “calci” alla maggiore età per creare i presupposti alla crescita sociale e, soprattutto, tecnica dello sportivo che, “sin dalla tenera età, si appresta – ha ricordato Pagni - ad intraprendere l’attività calcistica”. “Un’idea interessante- ha aggiunto la De Gaio- che sicuramente potrebbe fare la felicità di tanti potenziali calciatori ed appassionati e che si muove nel segno della promozione sportiva. Un’occasione su cui lavoreremo per verificare e precisare il progetto che darebbe un valore aggiunto al calcio castrovillarese”. Al termine dell’incontro l’amministratrice ha salutato il direttore sportivo, ringraziandolo per la visita e per l’interessante, augurandogli di portare sempre lustro alla memoria del suo famoso papà Dante nell’interesse dello sport e della città di Castrovillari.
L’Ufficio stampa del Comune di Castrovillari

Il sindaco di Castrovillari sulla questione Rifiuti in Provincia

L’emergenza rifiuti, in questi giorni ferragostani, ha mostrato tutta la sua drammaticità. L’ordinanza emanata dal Commissario Straordinario per l’Emergenza Rifiuti in Calabria , dr. Sottile, che ha chiuso la discarica di Crotone, ha mandato letteralmente in tilt tutto il sistema della raccolta di rifiuti della provincia di Cosenza. Appaiono quindi prive di significato le rassicuranti parole del Presidente Loiero. Tanto più che il Commissario Straordinario, di fronte alla determinata protesta dei sindaci sta facendo un passo in dietro per evitare che la raccolta dei rifiuti dei grossi centri come Cosenza, Castrovillari, Rende ed altri si fermi. Tutto ciò dimostra che senza la discarica di Crotone tutta la provincia di Cosenza non ha dove smaltire i propri rifiuti e che a breve una situazione ancora più allucinante di quella di Napoli si profila all’orizzonte. Infatti, in provincia è possibile utilizzare solo le non capienti discariche di Cassano, Scalea e San Giovanni in Fiore. Le iniziative come quelle messe in campo dall’Amministrazione comunale di Castrovillari, che intenderebbe utilizzare la discarica di contrada Campolescio, come struttura di servizio , finalizzata alla raccolta differenziata, è stata messa in difficoltà dall’incendio doloso appiccato alcuni giorni fa. L’irresponsabile comportamento di chi ancora si oppone a tale scelta, alimentando paure e sospetti, diventa ancora più incomprensibile alla luce dei fatti che si stanno consumando in questi giorni: solo la determinazione dell’Amministrazione di centro destra e dell’assessorato all’ambiente hanno impedito che in questi giorni nella città calasse il drammatico scenario dei rifiuti, vissuto a Napoli. E’ tempo di scelte responsabili per uscire da un estremismo fazioso, che tende a bloccare ogni iniziativa possibile. E’ tempo che il Commissario Straordinario per l’emergenza Rifiuti ponderi con responsabilità le scelte che devono essere effettuate; è tempo che la Regione Calabria e la Provincia di Cosenza pongano mano , con la determinazione che la situazione richiede, a un progetto serio che dia certezze alla provincia di Cosenza per risolvere tale drammatica situazione. E’ tempo anche che le forze politiche su tale questione non giochino a caricare responsabilità che sono ormai storicamente determinate ed è necessario che abbiano la capacità di mediare con serenità ed equilibrio le questioni che sono all’attenzione di tutti. L’amministrazione municipale di Castrovillari, fortemente preoccupata per l’evolversi di una vicenda già prevista da tempo ed annunciata nella sua drammaticità, proseguirà il suo percorso intrapreso e chiede che al più presto la magistratura chiarisca la vicenda dell’incendio nella discarica di contrada Campolescio e si giunga, in tempi ragionevoli, al suo dissequestro per evitare che gli allarmismi strumentali blocchino le iniziative programmate e che il tutto si risolva ancora una volta in un danno irreparabile per le nostre comunità, costrette a subire l’offesa dell’inerzia politica e della demagogia imperante, che comportano gravissimi danni ambientali ed altissimi costi di gestione. Castrovillari 12 Agosto 2008 f.to Il sindaco Franco Blaiotta

lunedì 11 agosto 2008

Villapiana. Grande successo di pubblico per il Peperoncino Jazz Festival

I colori della sofferenza, della tristezza e della malinconica, sfumature proprie che caratterizzano la musica afro-americana, tingono di emozioni i tanti venuti per assistere all’appuntamento villapianese del Peperoncino Jazz Festival 2008, l’evento, organizzato dall’Associazione Culturale Pìcanto sotto il coordinamento artistico di Sergio Gimigliano. Il classic blues conquista la cittadina jonica con uno degli interpreti più rappresentativi del genere, Marco Trifilio, cantante, chitarrista e armonicista di grande talento che nel corso della serata ha più volte dato saggio della sua incredibile voce. Nella fantastica location del nuovissimo lungomare di Villapiana Scalo, i Blues Legacy - composto da Marco Trifilio, dai chitarristi elettrici Francesco Stabile e Romualdo Panebianco, dal contrabbassista Salvatore Calabrese (già membro dello Smaf 4tet, una delle migliori formazioni jazz calabresi) e dal batterista Fabrizio La Fauci (tra le sue tante collaborazioni, segnaliamo quelle con Franco Califano e Rossana Casale) - si sono esibiti proponendo un repertorio che spazia dal classic blues al jazzy blues, dal soul al funky, percorrendo in rassegna pezzi, tra cantati e strumentali, dei leggendari Blues Brothers, di icone che rappresentano il passato, il presente ed il futuro del blues (come Muddy Waters, John Lee Hooker, B.B. King, Eric Clapton, Robben Ford e John Mayer) e coinvolgenti composizioni originali. Marco Trifilio ha tra l’altro all’attivo il cd “Wishlist” (pubblicato lo scorso anno assieme con Sergio Gimigliano), un album che ha ottenuto notevoli consensi dalla critica specializzata nazionale, e che ha visto la partecipazione di alcuni dei migliori jazzisti italiani come Roberto Gatto, Dado Moroni, Marco Tamburini, Luca Bulgarelli e Felice Clemente. Il Peperoncino Jazz Festival, promosso dalla Pìcanto e coordinato finemente da Sergio Gimigliano, è stato realizzato con il patrocinio della Regione Calabria dall’Assessorato al Turismo e Spettacolo della Provincia di Cosenza, dall’Ente Parco Nazionale del Pollino, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Villapiana, della locale Pro Loco, e coordinata da Saro Costa. Lasciata Villapiana, il festival farà adesso tappa sul Tirreno con un grande appuntamento in programma lunedì 11 agosto nello splendido Teatro dei Ruderi di Cirella - Diamante: il concerto della cantante Nicky Nicolai accompagnata dal quartetto jazz del miglior sassofonista italiano: Stefano Di Battista.

Paride De Paola

Villapiana. Prima Fiera dell'Elettronica

La prima edizione della Fiera della radio, dell’elettronica e del computer tenutasi nei giorni 12 e 13 luglio scorsi al Palacongressi del Centro polivalente dello Scalo ha fatto registrare un significativo successo di pubblico. A dare il via a questa prima esperienza è stato il sindaco Luigi Bria con il classico taglio del nastro ed un breve discorso inaugurale con la promessa che l’evento diventi un consolidato appuntamento annuale. Sono stati due giorni dedicati alla passione per la moderna tecnologia in cui tutti hanno cercato e trovato qualcosa di interessante e utile, dal piccolo utensile al sofisticato congegno elettronico, dal modellismo dinamico al componente radio o hardware per computer, il tutto a prezzi davvero convenienti. La manifestazione, tra le uniche in Calabria, assieme a quella ormai rinomata di Locri, è stata organizzata dalla locale sezione A.r.i. “Giuseppe Falbo” (associazione radioamatori italiani) con sede in Villapiana Centro e diretta da Pino Capaldo con la partecipazione di altre sezioni della Provincia. Vi hanno aderito espositori giunti dalla nostra Regione e da gran parte del resto d’Italia, (Marche, Abruzzo, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata, Campania). Un segno inequivocabile che il settore dell’elettronica in genere, a differenza di molti altri in piena crisi, gode di buona salute e raccoglie particolare interesse un po’ in tutte le fasce sociali della popolazione. La manifestazione è servita a dare anche un prezioso contributo per la tutela dei cittadini, tra gli stand della Fiera, infatti, erano presenti due agenti della Polizia di Stato di Cosenza, sezione Postale e Comunicazioni, che hanno mostrato ai visitatori le loro sofisticate apparecchiature per la rilevazione di anomalie nelle strumentazioni o inquinamento elettromagnetico, come dire: la tecnologia è utile e bella ma attenti ai danni che può provocare alla nostra salute se essa stessa non rispetta i parametri di legge. Gli agenti hanno offerto anche utili consigli per difendersi dalle truffe che avvengono su Internet, spesso a danno di inconsapevoli possessori di carte di credito. La manifestazione ha avuto successo anche per questo: ha unito l’utile al dilettevole.

Pasquale Bria

Inaugurato il nuovo Lungomare allo Scalo di Villapiana

Prima era una strada sterrata e polverosa, ora è un lungomare moderno e all’avanguardia, concepito esclusivamente per il benessere dei cittadini. Il nuovo lungomare realizzato allo Scalo, costato seicentomila euro, è disposto in due sezioni, una per i pedoni, l’altra per le biciclette, si estende per oltre un chilometro ed è arredato di banchine, lampioni “futuristici” e tanto verde. E’ il luogo ideale dove fare una passeggiata, fare jogging, conoscere nuove persone per nuove amicizie. Al classico taglio del nastro erano presenti numerosi cittadini e turisti, amministratori, associazioni di volontariato, i carabinieri della locale Stazione, la Polizia municipale col gonfalone del Comune. Davanti all’ingresso del lungomare il sindaco di Villapiana Luigi Bria e il parroco Don Franco Brunetti che ha benedetto la nuova opera. Dopo l’inaugurazione hanno preso la parola il vice sindaco Roberto Rizzuto, gli assessori Pino Leone e Eduardo Lo Giudice, per dire che ora con la nuova struttura nasceranno anche nuovi impianti balneari e dunque nuove opportunità di lavoro. L’architetto Luigi Milillo, dirigente dell’ufficio tecnico comunale che ha curato la fase progettuale, ha brevemente descritto gli aspetti tecnici dell’opera, realizzata grazie ai fondi per il Pit 4 Alto Jonio. Infine l’intervento del sindaco Bria che tra tutti gli altri aspetti positivi che caratterizzano l’opera ne ha evidenziato uno in particolare, forse il più importante: dare la possibilità a tutti di fruire del lungomare, così come testimoniato da una signora disabile costretta in carrozzina che ha ringraziato dicendo: “finalmente potrò vedere il mare”.

Pasquale Bria

CASTROVILLARI VERSO LA PRIMA NOTTE BIANCA

“Anche la città di Castrovillari si prepara ad organizzare la sua prima notte bianca che l’Amministrazione, tramite l’assessorato al turismo, sta predisponendo per il sei di settembre con intrattenimento di spettacoli su via Roma, corso Garibaldi , Canal Greco e, naturalmente, il rione Civita”. Lo ha reso noto l’assessore Umberto Malagrinò, il quale ricorda che “l’iniziativa è finalizzata a far conoscere meglio il capoluogo del Pollino ed a presentare quelle specificità urbanistico – ambientali che solo la notte può offrire con l’apporto di tutti ed i commercianti in testa con le loro vetrine illuminate”. “Sarà un momento – continua – dove gli spettacoli e l’assetto urbano, tra servizi e ricettività, faranno da trait d’union con l’esistente per rappresentare al meglio i luoghi più suggestivi di Castrovillari, a partire dal centro storico e dal rione Civita, il cosiddetto, quest’ultimo, salotto buono della città, luoghi sempre più adibiti ad accogliere manifestazioni di ogni genere, di cui la gente sente il fascino per l’opportunità che viene data alla vita di relazione ”. “Un’occasione, insomma- aggiunge l’assessore Malagrinò –, anche per dare il senso di questa città ed il ruolo che vuole svolgere, con le sue tante possibilità. Un modo per godere – ribadisce – spazi antichi e nuovi e per proporli a chi, forse, non si è mai accorto, ma anche per apprezzare una città che diventa sempre più bella , fruibile ed occasione di promozione ed incontri come solo le iniziative di intrattenimento possono offrire”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

LA FESTA DELLA MONTAGNA A NOVACCO IL 15 AGOSTO PER LA XIII^ EDIZIONE TRA GIOCHI E LA PRIMA EDIZIONE DI AQUILONI IN FESTA

Il giorno di ferragosto a Saracena è sempre più sinonimo di “Festa della Montagna” grazie proprio alla Pro loco “Sarucha”, che con il patrocinio dell’Amministrazione comunale organizza la XIII^ edizione per la quale il sindaco Mario Albino Gagliardi ha dato la massima disponibilità, anche per la grande partecipazione che registrano da anni questi giochi in montagna. Una iniziativa di tutto rispetto in ossequio ad una antica tradizione ma anche ad un grande e sviscerato amore per la montagna che i saracenari hanno sempre avuto e mostrato, consapevoli della portata delle loro ricchezze ambientali, tra le più belle risorse del Parco Nazionale del Pollino. Teatro della manifestazione – spiegano l’infaticabile presidente Elisa Montisarchio ed il sindaco, Gagliardi - sarà Piano di Novacco, a 1300 metri , nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, proprio nel territorio di Saracena, da sempre zona naturalmente vocata per lo sci da fondo, grazie ai luoghi, e stupende passeggiate tra i boschi. Riferimento estivo delle genti del circondario e non solo che quest’anno troveranno più servizi. Il programma prevede alle ore 11 l’inizio della rinomata “Sagra du Siru” con degustazione, organizzata in collaborazione con i pastori del luogo. Alle 15,30 i giochi popolari ( corsa nei sacchi, gioco della pignata ed altro )per la gioia di grandi e piccini. La novità di quest’anno riguarda,poi, la prima edizione degli “Aquiloni in festa”. Gli aquiloni sono stati preparati, realizzati e personalizzati lunedì sera in piazza Santo Lio con l’apporto dei soci della Pro loco che, con tanti bambini, hanno colorato le loro idee di aquilone. L’iniziativa è rivolta a tutte le popolazioni del circondario ed in particolare a quanti posseggono un aquilone. Sarà un’occasione per partecipare alla gara che prevede attestati per tutti e la premiazione per coloro i quali sapranno mantenere più a lungo in cielo il proprio aquilone. Naturalmente la fine Della giornata sarà caratterizzata da un momento di musica. La vera motivazione della giornata – afferma la brava Montisarchio – sta nel ribadire a chiare lettere che della cultura di un popolo che vive nel suo tempo fa parte anche l’ambiente naturale, luogo in cui se ne dipana la storia, tanto che il problema della conservazione dell’ambiente è sempre di più il problema della conservazione della vita , delle tradizioni e delle identità degli uomini nella unitarietà dei loro bisogni, dei loro compiti, del loro destino. Un percorso culturale – spiega Montisarchio- a cui vogliamo partecipare attraverso queste iniziative ludico- storiche”. L’Ufficio Stampa

CASTROVILLARI – L’ASSESSORE MALAGRINO’ SCANDISCE IL VALORE DELLA 23^ EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FOLCLORE E DEL PARCO DEL POLLINO

Tra poco, precisamente il 16 agosto, Castrovillari accoglierà la XXIII^ edizione del Festival Internazionale del Folclore e del Parco del Pollino, curata dal Gruppo folcloristico “Città di Castrovillari” e dal suo patron, Antonio Notaro, che ancora una volta, organizza in città quattro giorni tra tradizione , usi e costumi di più Paesi del mondo per arricchire quegli scambi, fondamentali per la crescita di ciascun popolo. “Un evento importante, quanto autorevole, - afferma l’assessore al turismo e spettacolo, Umberto Malagrinò - per la gioia di quanti vivono in città e dei turisti che non vogliono mancare a questo appuntamento, intriso di momenti gastronomici unici. I visitatori, infatti, avranno la possibilità, di assaporare cibi caratteristici , ma anche di imparare balli e canti di altre tradizioni. Insomma, un’ occasione di grande respiro che muove i suoi passi nel culto dell’ospitalità, una delle espressioni più autentiche della tradizione del popolo castrovillarese”. Con questa consapevolezza Castrovillari guarda al futuro senza dimenticare la sua storia e le sue tradizioni. “Per questo il festival che si propone da anni è testimonianza – aggiunge l’amministratore - di una passione ed amore verso le tante identità che hanno generato le culture d’ ogni popolo. E’ per questo motivo che la manifestazione è sempre più un grosso momento culturale, una ribalta importante nel Parco del Pollino e della stessa Calabria Citra che in quest’appuntamento esalta e fa memoria del ruolo fondamentale delle tradizioni”. Per tutto questo non è possibile non ringraziare gli infaticabili organizzatori dell’evento che ha come preoccupazione fondamentale la tutela del folclore ma anche la promozione della città , della sua immagine, come “capitale” di appuntamenti multietnici nel Mediterraneo.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari